L’importanza della Rete

Quando penso alla rete la prima immagine che mi viene in mente è quella degli acrobati del circo che camminano con leggiadria su funi infinite o saltano agilmente da un trapezio all’altro volteggiando nel cielo. Sotto di loro, spesso c’è una rete di sicurezza che gli impedisce di schiantarsi al suolo. Come nel circo, anche nella vita la rete è un punto fermo che ti sostiene, ti aiuta a (ri)sollevarti e, nel momento della caduta, ti permette di non sfracellarti a terra.

Nella tua quotidianità, me lo auguro, avrai molte reti. Alcune familiari, altre lavorative, altre ancora ludiche o sportive. Ogni singola persona che compone quella rete ha bisogno di te e del tuo supporto quanto tu hai bisogno del suo, non dimenticarlo. Adesso ti parlo un po’ della mia Rete, quella con la R maiuscola perché dovrebbe essere lavorativa ma, in realtà è molto di più.

Partiamo dall’inizio

La mia rete, non solo di sicurezza ma soprattutto di crescita, è formata da un gruppo di donne semplicemente meravigliose: quelle della Rete al Femminile. Storicamente nata a Torino da un’idea di Gioia Gottini nel 2014, si è sparsa per tutta Italia a macchia d’olio. Io sono membro della Rete al Femminile di Monza dal 2015, quando per caso ho incontrato il gruppo su Facebook e sono entrata in contatto con Chiara e Khadija (le leader di quel periodo) e mi sono innamorata del progetto, tanto che l’anno scorso sono stata scelta come vice leader di questo meraviglioso gruppo. All’interno del team ci sono professionalità molto diverse tra loro, ma ogni donna che ne fa parte ha qualcosa di totalmente nuovo da farmi scoprire e da insegnarmi, un arricchimento personale che, fino a poco più di un anno fa non avrei mai creduto possibile.
Mi reputo fortunata a lavorare per la Rete. E’ un’attività impegnativa e, a volte, molto complessa, non lo nego, ma essere al servizio delle donne della Rete mi da anche grandissime soddisfazioni. In questi ultimi mesi, infatti, la mia Rete è cresciuta, mettendomi in contatto con persone nuove, anche molto diverse da me. Donne che lavorano in ambito più spirituale e olistico, altre che lavorano con i numeri (i miei grandi nemici) ma anche con chi fa un lavoro simile ma molto diverso dal mio o comunque con un approccio differente, perché in fondo ogni professionista lavora in modo diverso. Ho conosciuto mamme figlie e mogli: Donne (con la D maiuscola) davvero fantastiche che, in qualsiasi momento, sono a disposizione l’una dell’altra come supporto a volte con una parola buona e, quando serve, anche con una critica costruttiva, mai distruttiva!

Non siamo collaboratrici ma siamo collaborative, non siamo amiche ma siamo sorelle: siamo una la forza dell’altra.

L’importanza di avere una buona rete, di qualunque tipo sia, che ti possa sostenere e che ti faccia sentire sicura in ogni momento è a dir poco vitale. Devi poterti confrontare sul tuo lavoro ma anche sulla tua vita personale, sia con persone simili a te sia con chi è totalmente diverso, questo può aiutarti a crescere e a vedere le cose in maniera molto più chiara. Infondo, lo sai bene, quando sei impantanata dentro a un problema ti manca l’aria e ti senti sopraffatta, è difficile capire quale sia la strada giusta da seguire. Una persona esterna che vede la situazione da fuori, invece, potrebbe avere le idee più chiare e aiutarti a vedere la luce alla fine del tunnel aiutandoti a raggiungerla più velocemente. La rete può aiutarti ad avere ben chiare le soluzioni ad alcuni problemi che non riesci a risolvere, può darti una pacca sulla spalla quando ne senti la necessità, può condividere con te una passione o uno sport ma potrebbe anche avere dei contatti utili per aiutarti a crescere a livello personale o nella tua professione.

Nel caso della Rete al Femminile, nel mio caso, è stato davvero così. La Rete, per me, è una famiglia, fatta di persone che hanno voglia di migliorarsi e  collaborare, non è un posto dove scambiare business o dove vendere il proprio lavoro, ma dove creare nuove opportunità di lavoro e cooperazione tra persone con competenze e magari anche diverse, una floroterapeuta e un architetto, una commercialista e un’esperta di comunicazione, una SMM e una commerciante di filati e chi più ne ha più ne metta.

La Rete è un luogo in cui è bellissimo incontrarsi, scambiarsi idee opinioni e suggerimenti, un posto dove sai di poter incontrare persone sincere pronte anche dirti brutalmente che la tua idea non funziona, spiegandoti cosa non va e  cosa dovresti fare per renderla spettacolare.

La Rete è un posto dove puoi crescere dove puoi imparare dove puoi essere e diventare la persona meravigliosa che sei destinata ad essere. La Rete è vita.

Ora, se sei una libera professionista io ti consiglio, ovviamente, di cercare se vicino a te c’è una Rete attiva, in caso contrario, pensa se ti va di essere tu a fondarla, ti assicuro che il gioco vale davvero la candela.

Se non sei una libera professionista, ispirati alla Rete e crea dei momenti di scambio costruttivi non importa se lo fai in ufficio, in negozio o ovunque lavori; tra le mamme dei compagni di scuola dei tuoi figli; con le persone con cui vai in palestra o a nuotare o a correre; con i tuoi compagni di corso, master o qualsiasi altro gruppo di persone con cui condividi il tuo tempo, la tua passione o il tuo lavoro. L’importante è circondarsi sempre di persone positive, che condividano e abbiano voglia di festeggiare i tuoi successi (e tu i loro), non di persone che siano pronte solo a criticarti senza trovare soluzioni pratiche e creative. Circondati di confronti e non di scontri. In fondo è il confronto che aiuta a evolversi, lo abbiamo detto la settimana scorsa: chi non si evolve è destinato all’estinzione!

Tu credi di essere pronta a estinguerti o preferisci distinguerti?

 

One thought on “L’importanza della Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *