Ansia mia, vattene via!

È li che ti aspetta, in agguato sin dagli ultimi giorni di vacanza, infida e infingarda si annida tra la salsedine e le pieghe dell’asciugamano, l’ansia da fine vacanza non risparmia nessuno. Colpisce inesorabile ogni anno raggiungendo il suo massimo picco nei primi giorni di settembre questo maledetto disturbo che nel giro di pochi giorni esaurisce tutte le tue energie, quelle stesse che a fatica avevi recuperato nel corso delle tanto agognate vacanze. E, niente, a ottobre  ti senti già satura ed esaurita come se non fossi nemmeno partita.

Purtroppo, te lo dico con il cuore in mano, più ti senti schiacciare dalla tua quotidianità, più significa che qualcosa non funziona come dovrebbe, n parole povere ti stai concentrando troppo sui devo e troppo poco sui voglio (un po’ di sano egoismo ti salverà, baby!).

Smetti di sopravvivere e inizia a vivere!

Come affrontare ed eliminare questa ansia nel modo giusto? Pensa di cambiare le cose una alla volta. Non buttarti a capofitto in uno sforo che, oltre a esaurire tutte le tue energie rischia di trascinarti in uno stato di frustrazione capace solo di alimentare sempre di più il tuo stato d’ansia.

Cerca invece di procedere per gradi, innescando tutta una serie di piccole abitudini positive, capaci di agire sulla tua percezione delle cose e di te stessa. Concentrati su quello che fai e assapora ogni istante, pensando di farlo solo ed esclusivamente per te stessa. In questo modo attiverai un circolo virtuoso di positività e autostima che daranno vita a nuove idee e soluzioni originali a situazioni che adesso ti sembrano insormontabili.

Dormi, sogna e sii sempre concentrata sul presente

Regolarizza il più possibile il tuo ritmo sonno veglia. Se devi alzarti molto presto al mattino cerca di non andare a letto troppo tardi. Se possibile inizia la giornata con una leggera attività fisica, basta un po’ di yoga o di stretching per (ri)svegliare le cellule del corpo e i nostri muscoli e iniziare meglio la giornata. Inoltre concentrati sul presente, non idealizzare troppo la vacanza appena trascorsa illudendoti che per tutta la vita potresti vivere in spiaggia nutrendoti di cocco e meloni. Lo sai bene che per quanto l’aspettativa sembri bellissima nel giro di poco diventerebbe insopportabile. Il nostro cervello che bisogno dei cicli piacere/fatica (lo diceva anche Leopardi, te lo ricordi?! Non c’è piacere senza sofferenza!). Ammettilo e poi non ne parliamo più, quello non è lo stile di vita ideale, ti sembra così solo perché ti senti insoddisfatta.

Quindi, bando alle ciance, riduci le tue aspettative esotiche, accetta la tua quotidianità, migliorandola il più possibile: il tuo presente, qui e ora, può riservarti piaceri molto più intensi di quelli solo immaginati, se solo riuscissi a smettere di fuggire il tuo meraviglioso presente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *